Cosa significa Agricoltura di Precisione 4.0 ?

Significa rendere i processi agricoli più accurati, efficienti e sostenibili attraverso l’uso di sistemi tecnologici avanzati e connessi.

L’Agricoltura di Precisione 4.0 è infatti volta a minimizzare l’uso di risorse sempre più critiche, costose e ad alto impatto energetico, utilizzando tecnologie che permettano di eseguire le attività nel modo giusto, cioè di applicare le quantità giuste nel posto giusto al momento giusto per ottenere una resa ottimale ad impatto ambientale minimo.
Tale approccio, già adottato negli sviluppi precedenti dell’Agricoltura di Precisione, è ora ulteriormente ottimizzato dall’utilizzo di software, applicazioni, reti e sensori che rendono i dati facilmente gestibili ed accessibili anche con tecnologie di uso comune (smartphone).

Queste, infatti, le principali tecnologie applicate:

  • Guide automatiche GPS od ottiche, per la riduzione dell’errore umano;
  • Sensoristica, per l’ottimizzazione dei settaggi macchina e valutazione del prodotto raccolto;
  • Geomappatura, per mappare i tipi di terreno, il livello di sostanze nutrienti e lo stato delle colture;
  • Dosaggio variabile e controllo sezioni durante le operazioni di coltivazione, semina, concimazione e protezione delle colture;
  • Telemetria, per la raccolta e la trasmissione di dati analizzabili;
  • Software gestionali, per acquisire, gestire ed applicare i dati aziendali;
  • Comunicazione elettronica integrata ad elevata accessibilità di gestione dati tra i componenti della filiera : macchine, attrezzature, Aziende agricole, Clienti, Concessionari, Case Madri e Istituzioni.

Industria 4.0 e Agricoltura 4.0

La quarta rivoluzione industriale, o digitale, è basata su un insieme di tecnologie che si aggregano grazie ad internet dando vita a nuovi modelli produttivi e riguarda tutta la manifattura compresa la filiera agroindustriale.

In ambito agricolo l’agricoltura di precisione rappresenta la principale espressione di questo nuovo approccio tecnologico al sistema di gestione delle aziende, rispondendo all’obiettivo della rivoluzione digitale: fare di più con meno.

A sostegno della trasformazione digitale della manifattura il Governo ha stanziato un programma di 13mld € fino al 2020 a supporto degli investimenti per la digitalizzazione dei processi produttivi: ad oggi solo l’1% della superficie italiana dedicata a coltivazione agricola è interessata da sistemi di gestione tipici dell’Agricoltura di Precisione, l’obiettivo è portare il valore al 10% entro 5 anni.

COME?

Il Piano Nazionale Industria 4.0 consente di accedere a:

  • IPERAMMORTAMENTO 250% per l’acquisto di beni strumentali nuovi funzionali alla trasformazione in chiave 4.0;
  • SUPERAMMORTAMENTO 130% per l’acquisto di beni strumentali nuovi e loro potenziamento con beni immateriali strumentali
    (software) funzionali alla trasformazione in chiave 4.0;
  • NUOVA SABATINI per facilitare l’accesso al credito delle imprese che vogliono acquistare macchinari, software e tecnologie digitali;
  • CREDITO D’IMPOSTA R&S per agevolare per le imprese che vogliono investire in Ricerca e Sviluppo.